SURFACE PIERCINGS

Molto spesso, ci imbattiamo in studio con clienti scoraggiati nel farsi eseguire dei surfaces per via delle informazioni sbagliate ricevute o purtroppo, per via di brutte esperienze.

In molti ancora credono che nella maggior parte dei casi un surface è destinato a “rigettare”, ma in pochi ancora ne conoscono i veri motivi.
Il rigetto di un piercing è un fenomeno che si presenta quando il corpo decide di espellere “l’oggetto estraneo” da se, LASCIANDO BRUTTE CICATRICI.
Questo avviene nel 90% dei casi per dei motivi ben precisi:

  1. Esecuzione e posizionamento scorretti del foro
  2. Scelta sbagliata del gioiello
  3. Stile di vita del cliente
  4. Cura inadeguata
  5. Tipo di alimentazione

Il restante 10% sono quei casi in cui anche quando tutto è fatto a regola d’arte, il corpo decide lo stesso di espellere il piercing.
Questa è la dimostrazione che non siamo delle macchine e che quindi non si può prevedere sempre e comunque come andranno le cose.

La scelta del posizionamento è fondamentale per la buona riuscita di un qualsiasi piercing, troppo spesso però si vedono surfaces posizionati senza nessun criterio. Bisogna tenere conto infatti, oltre che ovviamente dell’anatomia del corpo, anche di tensione e movimento dello stesso.

Il gioiello è senza discussione un elemento importante per la buona riuscita del piercing. Il tipo di gioielleria più comune è la famosa barra in teflon ossia in materiale plastico flessibile. Purtroppo è anche il tipo di gioielleria, in mia opinione, più sbagliata da utilizzare.
Molti credono che il teflon sia meglio proprio per la sua flessibilità, in realtà esso crea della pressione sia in prossimità delle sfere che nella parte centrale dovuta alla forma ad “arco”.

Il gioiello più adatto è invece una barra in titanio che ha una forma particolare, studiata appositamente per rimanere nel corpo senza creare pressione verso l’esterno.

Queste barre vengono vendute dai migliori produttori di gioielleria da body piercing in un’infinità di misure sia come lunghezza che come altezza del “piede”.
Ogni cliente e posizionamento richiederanno una misura specifica, quindi è essenziale avere coscienza di scegliere la più adatta per quella particolare situazione. Una barra posizionata male o con una misura non adeguata risulterà in un piercing senza possibilità di successo.
I terminali più adeguati  sono dei dischetti piatti, in modo da limitare il più possibile il rischio di agganciarsi con i vestiti.

Il gioiello deve sempre calzare a pennello, proprio come un paio di scarpe. Se anche a distanza di tempo dall’esecuzione si nota che la barra è più lunga o più alta rispetto alle dimensioni del foro, si dovrà ricorrere alla sostituzione.

Qui sotto riporto un diagramma che spiega con chiarezza i vari tipi di gioielleria utilizzati ed i vari  risultati:

Il grafico spiega come il corpo tenda a liberarsi dalla parte di gioiello che provoca tensione, dimostrando si che in alcuni casi il piercing può guarire comunque, ma che il risultato non sarà mai appagante al cento per cento. Inoltre come ho già affermato antecedentemente, ritrovarsi con cicatrici da migrazione o rigetto da piercing non è mai una cosa piacevole.

Concludo, invitando come sempre a scegliere accuratamente il/la piercer alla quale ci si affida e ricordando che “La soddisfazione di un bel piercing sopravvive di gran lunga alla convinzione di aver fatto un buon affare!

Questo è un esempio che ho già postato in passato, ma di nuovo perfetto per questo articolo:

“Paghi per quello che hai!”

About Cristiano Aielli Professional Piercing

Piercing professionale dal 2005, Scarificazioni dal 2008. Offro: -Piercing in tecnica STERILE: Tradizionali Genitali Surfaces Microdermals Grosse dimensioni - Scarificazioni - Implants etc.
This entry was posted in borneoflower, piercing and tagged , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s