Gioielleria di qualità

Ho già scritto in passato un piccolo articolo riguardo la gioielleria da Body Piercing, spiegando la differenza tra i diversi materiali e menzionando che esistono gioielli di buona qualità e non.

Anche se a prima vista tutti i gioielli che vedete posso sembrare uguali, ci sono grosse differenze tra un pezzo che proviene dall’Asia prodotto da bambini coreani ed uno di qualità siglato ASTM ( per capire cosa questa sigla sta ad indicare leggi qui ), garantito a vita e prodotto negli Stati Uniti da personale adulto e regolarmente pagato. Poco importa che il gioiello in questione venga descritto come “in acciaio chirurgico” o ” in titanio”, il metallo deve essere certificato e quindi, considerato sicuro per l’utilizzo nel corpo. Altre due caratteristiche fondamentali tra un gioiello di qualità ed uno scadente, sono la lucidatura e la filettatura.
Poco importa che un gioiello sia considerato “implant grade” se poi non è lucidato adeguatamente. Se la superficie è porosa, germi e batteri potranno insediarsi. Il gioiello deve essere il più liscio possibile così che la lega (composizione del metallo) possa formare uno strato di ossido il più uniforme possibile. Durante la lucidatura il titanio reagisce all’ossigeno nell’aria, formando “ossido di titanio”, mentre nei gioielli in acciaio è il cromo a reagire formando “ossido di cromo”. E’ questa reazione che li rende sicuri all’interno del corpo, perchè lo strato di ossido funziona da barriera tra il corpo stesso ed il metallo.  Molti credono che il titanio sia sicuro nel corpo, ma la realtà è che esso può essere veramente dannoso. E’ quindi l’ossido di titanio ad essere la componente biocompatibile per il corpo.
La superficie più liscia è sempre quella lucidata a mano. Questo è ovviamente un processo lento e costoso, quindi i produttori di gioielleria di medio-bassa qualità salvano tempo e denaro utilizzando dei macchinari. Un gioiello lucidato da un macchinario può sembrare abbastanza liscio, ma se si guarda col microscopio si possono trovare diverse irregolarità sulla superficie. Può sembrare una cosa banale ed inutile controllare con un microscopio, quando ad occhio nudo il gioiello sembra perfetto, ma se pensiamo a quanto una cellula della nostra pelle sia piccola, ci possiamo rendere conto quanto questi micro-graffi possano essere dannosi per la guarigione del nostro nuovo piercing.

Ecco un BCR prima e dopo la lucidaturaUn “fixed bead ring” prima e dopo la lucidatura

Per quanto riguarda la filettatura, esistono sia quella interna che quella esterna. Dopo la spiegazione sulla lucidatura, penso non ci sia dubbio su quale delle due sia da preferire, specialmente per i fori freschi e quelli in via di guarigione. Ogni volta che la parte seghettata del filetto esterno entra ed esce nel nostro corpo, rischia di lacerare il tessuto nei fori guariti, mentre lo fa senza dubbio in quelli in via di guarigione, dove il delicato tessuto epiteliale si sta formando attorno al gioiello.

Un’altro elemento da valutare sono le pietre e brillanti installati nella gioielleria. Prima di tutto, c’è una grossa differenza tra un film di cristallo singolo ed uno vero e proprio costruito in laboratorio. Entrambi i tipo sono spesso disponibili sotto il nome Swarovski che è il produttore più conosciuto di cristalli sintetici. La differenza, è che i gioielli di scarso valore con il film di cristallo singolo, hanno una piccola lamina metallica nella parte posteriore che rendono il brillante lucido quasi come uno specchio. Questo film però si consuma facilmente, specialmente nelle aree umide, quindi il brillante dopo poco tempo sarà appannato e senza colore. Un brillante sintetico costruito in laboratorio, è l’imitazione di un cristallo naturale, come un diamante, il rubino e l’acqua marina. Questi brillanti non hanno lamine nel retro, ma brillano comunque maggiormente rispetto ai film di cristallo. Inoltre mantengono in maniera migliore il colore e la lucidità nel tempo. Questi ultimi, sono ovviamente più costosi rispetto ai primi. E’ inoltre molto importante che le pietre siano collocate in maniera corretta nel gioiello, questa operazione può essere eseguita solo manualmente incastrandole nel metallo senza l’utilizzo di colle.

Gioielli per ombelico con pietre opali sintetiche

Brillanti swarovski sintetici “prong set”

In conclusione di questo articolo, inserisco un video di come viene prodotto un gioiello nella fabbrica INDUSTRIAL STRENGTH :

About Cristiano Aielli Professional Piercing

Piercing professionale dal 2005, Scarificazioni dal 2008. Offro: -Piercing in tecnica STERILE: Tradizionali Genitali Surfaces Microdermals Grosse dimensioni - Scarificazioni - Implants etc.
This entry was posted in piercing and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s